HomeArtecon le opere d’Arte

con le opere d’Arte

Tour attraverso le Opere d'Arte

Scopri le curiosità delle Opere d’Arte del Patrimonio Italiano 

 LA PIETA’ di Michelangelo  – LA PRIMAVERA di Botticelli – ALLEGORIA DEL BUON GOVERNO di Lorenzetti – LA TEMPESTA di Giorgione – L’ULTIMA CENA di Leonardo – AUTORITRATTO di Leonardo – CRISTO VELATO di A.Sammartino – L’ANNUNCIATA di Antonello Da Messina

Roma

Stai per intraprendere un tour a piedi della città di Roma alla scoperta dei suoi monumenti e Opere d’Arte più belle? Hai deciso di affrontare una giornata all’insegna della Cultura e delle scoperte archeologiche? Tutto quello che ti serve avere a portata di mano è una  cartina della città, da portare sempre con sé, meglio se la “indossi”.

T-shirt T-map Roma, indossa la città

Roma T-shirt T-map
T-shirt Donna T-map Roma
Roma T-shirt T-map
T-shirt Uomo T-map Roma

      “Con la T-shirt T-map Roma, la città me la sento proprio addosso! 

Raccontaci la città che indossi    

La Pietà

  • La Pietà è una scultura in marmo realizzata da Michelangelo e conservata nella Basilica di S. Pietro in Vaticano.
  • Fu realizzata durante il suo primo perodo romano, da una richiesta fatta  dal Cardinale francese Jean de Bilhères, ambasciatore di Carlo VIII presso il Papa, l’opera era destinata alla cappella di S. Petronilla. Naturalmente l’opera destò subito grande ammirazione, per il livello di finezza e grazia  specialmente nel modellato anatomico del corpo del Cristo e nel panneggio, la sua bellezza risiede nella postura naturale  dei corpi fusi in un’idealizzazione e una ricerca formale tipica del Rinascimento, che mette in risalto lo spessore psicologico e morale.
  • Realizzata tra il 1497 e il 1499, La Pietà è considerata il primo capolavoro dell’artista, allora poco più che ventenne, nonchè una delle maggiori opere d’arte che siano state realizzate, l’unica che riporta, in latino la firma di Michelangelo.
Pietà di Michelangelo
La Pietà
Pietà di Michelangelo
Particolare drappeggio con Firma

Firenze

Stai per intraprendere un tour a piedi della città di Firenze alla scoperta dei suoi monumenti e Opere d’Arte più belle? Hai deciso di affrontare una giornata all’insegna delle scoperte e curiosità. Tutto quello che ti serve avere a portata di mano è una  cartina della città, da portare sempre con sé, meglio se la “indossi”.

T-shirt T-map Firenze, indossa la città

Firenze T-shirt T-map
T-shirt Donna T-map Firenze
T-shirt Uomo T-map Firenze

      “Con la T-shirt T-map Firenze, la città me la sento proprio addosso! 

Raccontaci la città che indossi    

La Primavera

  • Alessandro di Mariano di Vanni Filipepi detto Botticelli, nasce a Firenze il 1 marzo del 1445 e muore a Firenze nel 1510. Crebbe in una famiglia modesta, mantenuta dal padre Mariano conciatore di pelli con una sua bottega.
  • Il padre gli fa seguire studi letterari e artistici,poi fa l’apprendistato nella bottega di pittore Filippo Lippi, in seguito, apre una sua bottega e collabora con il famoso scultore Andrea del Verrocchio.
  • Ottieni i primi incarichi come pittore. Nel 1472 entra all’Accademia di San Luca, divenendo uno degli artisti prediletti di Lorenzo il Magnifico, partecipa alla fervente vita di corte, dove incontra le personalità più eminenti dell’epoca.
  • I Medici gli commissionano un dipinto, Botticelli crea il capolavoro de “la Primavera“, è un dipinto a tempera su tavola (cm207x319) rappresenta Zefiro, il vento, che insegue e afferra la ninfa Cloris, trasformandola in Flora dea della primavera che sparge fiori, con al centro la figura di Venere, con Cupido che le volteggia sulla testa, Venere vuole  rappresentare la separazione tra le passioni materiali, dai valori spirituali, a sinistra del dipinto troviamo le tre grazie o muse con Mercurio, sullo sfondo uno splendito aranceto e un albero di alloro.
  • E’ il capolavoro dell’artista,una delle opere più famose del  Rinascimento, dipinge  altre  opere d’arte, che ancora oggi possiamo ammirare. Con passare degli anni il suo stile pittorico, secondo i gusti dell’epoca, risultò superato. Completamente dimenticato, muore nel maggio del 1510. Le sue opere rimasero sconosciute, e solo verso la fine dell’800  venne riscoperta la sua grandezza, alle volte,anche i grandi subiscono delle incompressioni. 
Primavera di Botticelli
La Primavera

Siena

Week end a Siena, anche se soffri di vertigini, non vedi l’ora di salire sulla Torre del Mangia per ammirare la magnifica piazza a forma di conchiglia di Piazza del Campo, di avventurarti per i vicoli della città alla scoperta di quel ristorantino di cui ti hanno tanto parlato per gustare finalmente una succulenta chianina e poi di nuove ad ammirare le opere d’arte al Palazzo Squarcialupi, tutto quello che ti serve avere a portata di mano è una  cartina della città, da portare sempre con sé, meglio se la “indossi”.

T-shirt T-map Siena, indossa la città

T-shirt Donna T-map Siena
T-shirt Uomo T-map Siena

      “Con la T-shirt T-map Siena, la città me la sento proprio addosso! 

Raccontaci la città che indossi    

Allegoria del Buon Governo

  • Nell’affresco di Ambrogio Lorenzetti,vi è un complicato intrecciarsi di figure simboliche.
  • Il Buon Governo è rappresentato da un vecchio saggio con scettro, scudo e corona. Vestito di un mantello bianco e nero, egli è assiso in trono sotto le figure alate di Fede, Speranza e Carità.
  • Alla sua destra siedono la Prudenza, la Fortezza e la Pace, mentre alla sua sinistra vi sono la Magnanimità, la Temperanza e la Giustizia.Quest’ultima riappare incoronata in trono, all’estrema sinistra del dipinto e quasi con il medesimo rilievo del gran saggio. Essa è raffigurata in atto di reggere in perfetto equilibrio la bilancia, in ciò ispirata dall’alto dalla Sapienza.
  • Conclude la complessa composizione una sottostante sfilata di 24 Consiglieri della città che reggono simbolicamente due lunghi cordoni che la Concordia, seduta immediatamente sotto la Giustizia, porge loro. Sono inoltre presenti altre numerose figure di contorno.
Siena buon governo
Allegoria Buon Governo

Venezia

Il Museo Correr, il Peggy Guggenheim, la Fondazione Vedova, un aperitivo all’Harry’s Bar, un giro di cicchetti a base di baccalà e tonno. E nel frattempo ti sei pure riempito di maschere e piccoli souvenir di vetro di Murano. Come riuscire a fare tutto senza perdersi nell’intricato labirinto di ponti e calle di Venezia? Tutto quello che ti serve è una T-shirt elegante e una cartina della città del centro storico di Venezia meglio se tutto in una bellissima T-shirt originale,  T-map Venezia, tutta da indossare. 

T-shirt T-map Venezia, indossa la città

T-shirt Donna T-map Venezia
Venezia T-shirt T-map
T-shirt Uomo T-map Venezia

      “Con la T-shirt T-map Venezia, la città me la sento proprio addosso! 

Raccontaci la città che indossi    

La Tempesta

  • La tempesta di Giorgione (1477-1510) è del 1502-1503. Attualmente si trova nelle Gallerie dell’Accademia di Venezia.
  • Immerse nella natura troviamo due figure umane. A destra una donna seminuda, che allatta un bambino. È seduta ai margini di un boschetto e guarda verso lo spettatore. A sinistra un giovane la sta osservando. Sono divisi da un piccolo ruscello. Alle loro spalle, sullo sfondo, gli edifici di una città.
  • Il lampo in lontananza e il cielo carico di nubi annunciano l’arrivo di un temporale. I personaggi non vivono la situazione in modo drammatico, anzi, sembrano attendere con serenità.
  • Elemento fondamentale è il colore. Questo, sovrapposto in leggere velature, offre una tale dolcezza di toni e una tale trasparenza, che le figure umane appaiono immerse nella natura, costituendo con essa un’unica entità.
  • È ancora il colore a rendere profondo lo spazio, anche senza il ricorso alla prospettiva lineare.
  • La composizione è equilibrata e accentua il senso di quiete; il cielo nuvoloso distribuisce uniformemente la luce; è riconoscibile però anche una luce di provenienza frontale, che dà particolare evidenza alle figure umane.
  • L’opera è ricca di significati simbolici, ancora non definiti.
Giorgione
La tempesta

Milano

 Due giorni a Milano: hai visitato Brera, vorresti catapultarti in zona Tortona, fare perché no, anche una capatina in Triennale, ma non sai più dove ti trovi? Quello che ti serve avere a portata di mano è una mappa …. meglio se indossata.

T-shirt T-map Milano, indossa la città

T-shirt Donna T-map Milano
T-shirt Uomo T-map Milano

      “Con la T-shirt T-map Milano, la città me la sento proprio addosso! 

Raccontaci la città che indossi    

L'Ultima Cena

  • Una delle opere più famose di Leonardo è senza dubbio l‘Ultima Cena (o Cenacolo), dipinto a Milano presso il Refettorio di Santa Maria delle Grazie tra il 1495 e il 1497.
  • Ha dimensioni significative (4,6 x 8.8 metri!) e rappresenta il momento in cui Cristo annuncia ai propri discepoli che uno di loro lo tradirà. Se guardiamo i volti dei singoli discepoli vedremo che ognuno di loro manifesta una reazione diversa: dipingere la realtà così come la vediamo, infatti, non significa soltanto occuparsi di paesaggi ma anche osservare attentamente una delle creature più complesse della natura, ovvero l’uomo.
  • Leonardo, infatti, non studia attentamente soltanto le proporzioni anatomiche, ma anche le espressioni che corrispondono alle emozioni provate da ciascuno di noi. Leonardo diceva, infatti:
  • “la figura non sarà laudabile s’essa non mostra la passione dell’animo” intendendo quindi la necessità di osservare attentamente la fisiognomica umana e di riproporla nelle proprie opere.
Ultima Cena
L'Ultima Cena

Torino

Una passeggiata a Torino, partendo dai portici che collegano il Ponte della Gran Madre alla Stazione di Porta Nuova, passando per il Castello, Via Roma, e Piazza S.Carlo, per poi salire fino in cima alla Mole Antonelliana, ed ancora una capatina al Mercato Balon alla ricerca di quell’oggetto misterioso…per non perderti nulla e neanche la strada, tutto quello di cui hai bisogno è una mappa della città, meglio se la indossi.

T-shirt T-map Torino, indossa la città

T-shirt Donna T-map Torino
T-shirt Uomo T-map Torino

      “Con la T-shirt T-map Torino la città me la sento proprio addosso! 

Raccontaci la città che indossi    

Autoritratto Leonardo

  • Autoritratto di Leonardo da Vinci è un disegno a sanguigna su carta (33,5×21,6 cm), databile al 1515 circa e conservato nella Biblioteca Reale di Torino, all’interno dei Musei Reali.
  • L’opera mostra il volto di un uomo canuto, con lunghi capelli e lunga barba, calvo alla sommità della testa. Lo sguardo accigliato è rivolto a destra, con un’espressione seria e leggermente imbronciata. I segni del tempo sono ben evidenti, con solchi lungo la fronte, attorno agli occhi e ai lati della bocca lungo le guance. I dettagli sono molto curati, sebbene una parte appaia come non finita: per dare l’effetto del cranio liscio e calvo l’artista ricorse a pochissime linee, lasciando il foglio in alto quasi intonso.
  • Nonostante la maggior parte degli studiosi lo abbia considerato l’unico sicuro autoritratto del Genio, l’identificazione dell’uomo raffigurato con Leonardo stesso non è oggi sicura. Il leonardista americano Louis A. Waldman identifica l’uomo ritratto come lo zio di Leonardo, Francesco da Vinci, e altri lo identificano con ser Piero da Vinci o con una figura idealizzata di un saggio del passato, come Pitagora o Demostene.
  • Il disegno del celebre autoritratto viene in genere datato ai suoi ultimi anni di vita, quando viveva in Francia al servizio di Francesco I. Dopo la sua morte, con i manoscritti e il suo corpus di disegni e appunti, venne lasciato in eredità al fedele collaboratore Francesco Melzi, che lo portò alla sua villa a Vaprio d’Adda, al confine con la provincia di Bergamo. Qui gli eredi del Melzi sparpagliarono poi la collezione vinciana.
  • L’Autoritratto ricomparve agli inizi dell’XIX secolo a Milano, quando venne copiato e riprodotto in un’incisione per un libro, per poi scomparire nuovamente fino al 1839, quando Giovanni Volpato, un collezionista che lo aveva acquistato forse in Inghilterra o in Francia, lo vendette a Carlo Alberto di Savoia, assieme ad altri 1585 disegni di grandi artisti come Raffaello, Michelangelo per 50.000 lire piemontesi. Dalle collezioni Savoia confluì poi alla Biblioteca Reale.

 

Leonardo Da Vinci
Autoritratto Leonardo Da Vinci

Napoli

Weekend a Napoli, vuoi assaporare la storia e la tradizione di una delle città più pittoresche d’Italia, fare un giro tra le bancarelle di San Gregorio Armeno ed ammirare l’Arte Presepiale per poi trovarsi a Spaccanapoli, la via che divide in due la città, proseguire fino al Duomo e scoprire al suo interno il tesoro di san Gennaro; nel frattempo hai fatto sosta al caffè Gambrinus in Piazza del Plebiscito gustando un’autentico caffè e una calda sfogliatella. Ed ancora ammirare la suggestiva vista del Golfo di Napoli dalla collina di Posillipo. Puoi fare tutto, basta avere con te una mappa della città ….meglio se la indossi.

T-shirt T-map Napoli, indossa la città

T-shirt Donna T-map Napoli
T-shirt Uomo T-map Napoli

      “Con la T-shirt T-map Napoli la città me la sento proprio addosso! 

Raccontaci la città che indossi    

Il Cristo Velato

  • Il Cristo velato è una scultura di Giuseppe Sanmartino ammirata già dai contemporanei del maestro grazie al virtuosismo col quale è scolpito il velo sul corpo magro. Opera in marmo 1753,  180 x 80x 50 cm. Napoli, Museo Cappella Sansevero.
  • Il corpo ormai esanime di Cristo giace orizzontale abbandonato su uno strapunto. Il suo capo, poi è sollevato da due grandi cuscini decorati con delle nappe agli angoli. Un sottile lenzuolo ricopre il cadavere e lascia intravedere le forme del corpo magro.
  • Il tessuto pare un velo leggero e trasparente. Infatti, il viso è ben identificabile e sono visibili le singole ossa della gabbia toracica. Infine, ai piedi sono posati i simboli del martirio, la corona di spine, i chiodi e la tenaglia servita per estrarli dal legno.
Cristo velato Napoli
Cristo Velato

Palermo

Una passeggiata a Palermo, nel quartiere medievale per ammirare una suggestiva metropoli dai sapori inconfondibili dei suoi mercati tra la Vucciria e Ballarò e magari fare una visita al teatro Massimo e ai giardini del Parco della favorita, per poi sorprenderti nel Museo delle Marionette con l’arte dei Pupi fino a cercare relax presso la spiaggia di Mondello. Puoi fare tutto, basta avere una mappa della città, meglio se la indossi.

T-shirt T-map Palermo, indossa la città

T-shirt Donna T-map Palermo
T-shirt Uomo T-map Palermo

      “Con la T-shirt T-map Palermo la città me la sento proprio addosso! 

Raccontaci la città che indossi    

L'Annunciata

  • Questo olio su tavola, dipinto da Antonello da Messina intorno al 1476, è uno dei capolavori del Rinascimento italiano.
  • Al centro del dipinto, Maria è avvolta da un velo blu che le copre il capo e le spalle. La Vergine porta la mano destra in avanti mentre con la mano sinistra chiude il velo sul petto. Si intravede anche l’abito rosso coperto dal tessuto. Il viso e il corpo sono frontali. Lo sguardo, invece è rivolto a sinistra in basso. L’espressione è timorosa. I lineamenti del viso sono giovanili e regolari. A sinistra del dipinto, si trova un leggio. Su di esso si nota un libro aperto con le pagine sollevate. 
  • La Madonna, ritratta su fondo scuro con linee e posa che richiamano i modelli fiamminghi. Con un accorto uso della luce e dei colori, Antonello da Messina è riuscito a rendere perfettamente i diversi materiali, dal legno al tessuto. Il bellissimo dipinto è esposto a Palazzo Abatellis a Palermo.
Opera d'arte Antonello da Messina
L'Annunciata
0
Translate »
  • No products in the cart.